Sete di Parola Giorno per Giorno

PrimaPagina Pregare Sete di Parola


Sete di Parola dal 23 al 29 Giugno 2019


Dodicesima Settimana del Tempo Ordinario dell’Anno C

a cura di Don Claudio Valente

CORPO E SANGUE DI CRISTO

Leggi Sete di Parola di QUESTA SETTIMANA

Preleva Sete di Parola della Dodicesima Settimana del Tempo Ordinario dell’Anno C (165 Kbyte)


Mercoledì 26 Giugno 2019 > Mercoledì della Dodicesima Settimana

Liturgia della Parola > Gn 15,1-12.17-18; Sal 104; Mt 7,15-20

La Parola del Signore …è ascoltata

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Guardatevi dai falsi profeti, che vengono a voi in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci! Dai loro frutti li riconoscerete. Si raccoglie forse uva dagli spini, o fichi dai rovi? Così ogni albero buono produce frutti buoni e ogni albero cattivo produce frutti cattivi; un albero buono non può produrre frutti cattivi, né un albero cattivo produrre frutti buoni. Ogni albero che non dà buon frutto viene tagliato e gettato nel fuoco. Dai loro frutti dunque li riconoscerete».

…è meditata

Gesù mette in guardia dal pericolo di lasciarsi attrarre dai falsi profeti, cioè da quel modo di vivere che sembra più facile e immediato, ma in realtà ci porta via la vita come un lupo rapace. Con facilità gli uomini si lasciano attrarre dalla vita apparentemente “normale”, in realtà con poco amore. Gesù vuol dire che le tentazioni del mondo si presentano lusinghiere e ragionevoli, e quindi capaci di attrarre tanti. C’è un criterio che ci aiuta a riconoscere le false profezie. Esse infatti immiseriscono il cuore e le vita rendendola senza frutti buoni per sé e per gli altri. Se il cuore è pieno di se stessi non potrà dare frutti di amore. Al contrario, tagliando i rami dell’egoismo e lasciando operare il Vangelo, si porteranno frutti di opere buone.

——————————————————

La fede, anche retta, non basta per fare un santo, un uomo retto, se non opera nell’amore.

San Bernardo

…è pregata

Signore Dio, molte voci oggi si richiamano a te, ma non tutte allo stesso modo. È importante saper distinguere i falsi profeti da chi invece è profeta autentico, anche se dice cose inconsuete. Aiutaci a fare più attenzione ai loro frutti che alle loro parole, per riconoscere chi parla veramente in nome di Gesù Cristo, nostro Signore. Amen.

…mi impegna

Il frutto più autentico che fa riconoscere se siamo più o meno innestati nell’Albero dell’Amore-Dono è sempre e solo uno: “da questo tutti sapranno che siete miei discepoli: se avete amore gli uni per gli altri” (Gv 13, 35). È questo frutto gustoso che il Padrone del terreno, che i fratelli che ci stanno accanto vorrebbero vedere e raccogliere da noi


Argomenti Correlati

Vai all’Archivio di Sete di Parola

Vai alle riflessioni di Papa Francesco

Vai all’Archivio dei Supplementi settimanali sul Credo

Questa voce è stata pubblicata in 1. Pregare >. Contrassegna il permalink.